Taglio laser
Dicembre 27, 2021

Tecniche e tipologie di taglio laser

By Giorgia

La tecnica del taglio laser, è una delle lavorazioni più utilizzate nel settore industriale. Precisione, velocità e agilità, sono i principali vantaggi di questa tecnica, che permette di realizzare prodotti di diverse forme e materiali.

In questo articolo spiegheremo come funziona il taglio laser e quali sono le tecniche più utilizzate nel settore.

Taglio laser: principio e tecnica

Il taglio laser è una tecnica di produzione sottrattiva che prevede il taglio e l’incisione di un materiale mediante un laser. Il taglio laser può essere eseguito su diversi materiali , come plastica, legno, cartone e metalli.

Il processo consiste nel tagliare i materiali utilizzando un laser potente e molto preciso che si concentra su una piccola superficie della macchina. La focalizzazione del raggio laser sull’area ridotta consente di aumentare la temperatura del materiale fino a quando non si scioglie o evapora. Poiché l’area termicamente interessata dal raggio laser è relativamente piccola (circa 0,5 mm), le parti tagliate mostrano lievi deformazioni.

Di solito viene utilizzato un computer per dirigere il laser e tracciare il percorso di taglio. La macchina per il taglio laser viene regolata in base al materiale e allo spessore della lamiera da tagliare. A seconda di queste impostazioni, la macchina taglierà il foglio a una velocità adeguata.

Quali sono le differenze tra laser CO2, fibra e YAG?

Le macchine per il taglio laser disponibili sul mercato si differenziano per la sorgente laser che utilizzano. Oggi esistono tre principali tipologie di macchine per il taglio laser che hanno un’efficienza e una potenza di uscita adatte ad eseguire la trasformazione del materiale su scala industriale:

  • Laser CO2: Il gas presente all’interno del laser funge da mezzo di amplificazione ed è pompato otticamente da una scarica elettrica che emette energia. I laser CO2 sono generalmente utilizzati per il taglio, la foratura, la saldatura e l’incisione.
  • Laser YAG: questo laser si basa su un gas solido (granato d’ittrio-alluminio drogato con neodimio) che viene pompato otticamente per mezzo di lampade a lampo o diodi per emettere energia. Diversamente dai laser a fibra, questi tipi di laser hanno un materiale d’usura, i costosi diodi di pompaggio. Questi ultimi devono essere sostituiti dopo circa 8.000-15.000 ore max. di lavorazione. Il cristallo stesso ha una durata di vita ben più ridotta rispetto al laser a fibra. Viene generalmente utilizzato per il taglio, la saldatura e la marcatura su metallo e ceramica.
  • Laser in fibra: I laser fibra appartengono al gruppo dei laser a corpo solido. Producono il raggio laser per mezzo di un cosiddetto laser seed e lo amplificano in fibre di vetro montate appositamente, alle quali viene alimentata energia mediante diodi di pompaggio. Il laser fibra è adatto in particolare alla marcatura dei metalli mediante ricottura, alle incisioni su metalli e alle marcature particolarmente ricche di contrasti delle plastiche.

La principale differenza tra i tre tipi di laser è la lunghezza d’onda del raggio che producono. I laser a CO2 generalmente emettono una lunghezza d’onda di 10,6 micrometri, che è adatta per lavorare su tutti i tipi di materiali, siano essi legno, carta, acrilico, tessuti, metallo, ecc. I laser YAG e fibra emettono tipicamente lunghezze d’onda di 1,06 micrometri e sono principalmente utilizzati per la lavorazione dei metalli, sia per la marcatura, l’incisione, ecc.

Anche in questo caso, il mercato delle macchine usate a taglio laser è molto fiorente sul web, con diversi modelli provenienti da smantellamenti, aste e rinnovo macchinari (sul sito di Mach-Trade trovi una vasta selezione di macchine Taglio Laser usate).

Gli usi e i vantaggi del taglio laser

Il taglio laser è particolarmente efficace in numerosi settori in cui la velocità e la precisione di produzione sono della massima importanza. Quando i processi produttivi tradizionali impongono limiti e vincoli, il taglio laser consente una maggiore libertà in termini di design e quantità.

Nel complesso, il taglio laser consente:

  • Un alto livello di precisione e accuratezza;
  • Un risparmio del materiale, visto che lo scarto è minimo;
  • Alta velocità di produzione;
  • Bordi affilati e puliti;
  • Deformazione del materiale molto ridotta;
  • Sicurezza durante la procedura.